AMBiENTE da vivere

Cosa vuol dire a filo?

Con il termine a filo, si indica una serie di soluzioni e prodotti utilizzati soprattutto nelle ristrutturazioni, ma anche nelle nuove costruzioni, in sostituzione a soluzioni analoghe ma tradizionali.

L’obiettivo è quello di raggiungere un’estetica di pregio, essenziale e contemporanea, insieme a una funzionalità di alto livello, che renda l’utilizzo quotidiano semplice e piacevole oltre che durevole nel tempo.

Il termine a filo indica che il risultato estetico sarà in continuità con la superficie sui cui si trova l’elemento. Possiamo dire addio alle sporgenze che normalmente si vedono e ingombrano lo spazio.

Ma quali sono queste soluzioni?

Esistono le porte a filo, prive di stipiti o cornici.

Esistono le ante a filo, similari alle porte ma diverse per alcune caratteristiche tecniche e per l’utilizzo.

Esistono gli armadi a filo, che possono essere inseriti in nicchie preesistenti o costruite appositamente per diventare un tutt’uno con l’ambiente circostante.

Esistono le botole d’ispezione, meno interessanti per l’utilizzatore finale, ma comunque importanti soprattutto se pensiamo al fatto che le abitazioni contengono sempre più impianti (es. riscaldamento, ventilazione ecc.). Le botole sono delle ante collocate su pareti o soffitti che servono per poter accedere agli impianti in caso di necessità, rimanendo però discrete e mimetizzandosi con la parete o il soffitto su cui si trovano per non invadere l’ambiente con la loro presenza.

Il risultato portato dalle soluzioni a filo è estremamente elegante e raffinato.

Si può scegliere di pitturare o laccare gli elementi dello stesso colore della parete, rendendoli cosi discreti e perfettamente integrati.

Ma se lo si desidera si può anche optare per soluzioni più creative, scegliendo colori tra loro in contrasto oppure materiali e finiture particolari per risultati grintosi.

A filo è vantaggioso su tutti i livelli.

La posa è più semplice e veloce per i prodotti a filo che per le soluzioni tradizionali, fermo restando che gli installatori scelti per il lavoro non siano alle prime armi ma esperti del mestiere.

In termini di utilizzo, se si scelgono prodotti di valore e pregio, non si avranno problemi di alcun genere, ma la durata nel tempo è garantita.

In termini di estetica, se il prodotto di partenza è valido, la finitura sarà impeccabile e uno spettacolo per gli occhi che permetterà di ottenere un risultato di design.

In termini di spazio, tali soluzioni portano a un grande risparmio, risultando un’ottima soluzione per ambienti di piccole metrature. Secondo i calcoli, ristrutturare un ambiente e usare delle porte tradizionali con coprifilo, porta subito la sensazione di aver perso perso almeno il 30 % dello spazio. 

Parlando di porte, se ci pensi, alcuni progettisti propongono colori chiari come il bianco per ingannare l’effetto ingombrante dato dai coprifili di porte commerciali, per simulare un’estetica “moderna” e nascondere il più possibile la presenza di troppo di cornici che servono solo a raccogliere la polvere. 

È vero che talvolta le scelte progettuali richiedono di dare importanza a una porta, in quel caso si potrà scegliere un manufatto di pregio realizzato appositamente e su misura da un falegname secondo un progetto preciso e coerente con lo spazio. Come nell’esempio di seguito dove lo stile classico è in armonia con gli ambienti che ospitano le porte, progetti di vera falegnameria.

Ma il più delle volte le tradizionali porte con coprifilo “da supermercato”, sono pugni negli occhi di cui faremmo volentieri a meno. Imitano e sottolineano grossolanamente un cosiddetto “stile moderno” o “minimalista”, ma sono solo mal riusciti tentativi che nulla hanno a che fare con opere da falegname.

Ma come scegliere il prodotto a filo giusto tra tutti quelli a disposizione?

Moltissime aziende si sono cimentate nella creazione di prodotti a filo pur non avendo realmente l’esperienza tecnica per farlo. Come, ahimè, spesso si trovano prodotti di scarso livello e problematici da installare oltre che da utilizzare. Basta andare nelle grandi catene di distribuzione di prodotti per le ristrutturazioni fai da te, le porte a filo ci sono, ma meglio non guardarle, non hanno nulla a che fare con i prodotti di valore che si possono trovare da aziende produttrici made in Italy, specialiste ed esperte.

Per evitare di commettere l’errore di scegliere un prodotto sbagliato è meglio affidarsi ai veri esperti di settore, ad esempio un’idea è quella di rivolgersi ad un architetto che ha già utilizzato prodotti a filo e che saprà sicuramente di non dover scegliere i made in china, oppure riconoscere i made in Italy da evitare.

Architetto AAM, esperto di costruzioni a secco, progettazione e ristrutturazione di interni, specialmente con l'utilizzo di soluzioni in continuità con la parete. AD di un'azienda italiana che progetta e produce i propri prodotti (porte, ante, botole d'ispezione, armadi) e le proprie soluzioni a filo ideali per le costruzioni a secco.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *